Sito Ufficiale del Comune di Faenza

Salta ai contenuti
 

Piazza del Popolo n. 31
Telefono 0546691111 - Fax 0546691499
PEC comune.faenza@cert.provincia.ra.it

COME FARE PER...
  • Cittadino
  • Impresa
 
 
 
Sei in: Home » Guida ai servizi » Servizi per l'i... » Servizi educativi e ricreativi privati  
 

Servizi educativi e ricreativi privati

Servizi educativi e ricreativi privati

SERVIZI EDUCATIVI E RICREATIVI PRIVATI

 I Comuni concedono l'autorizzazione al funzionamento ed esercitano la vigilanza e il controllo sui servizi educativi per la prima infanzia e sulle loro strutture, nonché sui servizi ricreativi.

Servizi educativi 0-3

A) Nidi d'infanzia (comprensivi di micronidi, sezioni primavera, nidi aziendali): sono servizi educativi e sociali di interesse pubblico, aperti a tutti i bambini e le bambine in età compresa tra i tre mesi e i tre anni, che concorrono con le famiglie alla loro crescita e formazione.

I nidi d’infanzia possono funzionare ed essere organizzati con modalità diversificate, in riferimento sia ai tempi di apertura (nidi a tempo pieno o a tempo parziale), sia alla loro ricettività (nidi o micronidi), che alla loro localizzazione (nidi aziendali), ma sempre sulla base di progetti pedagogici specifici in corrispondenza dei diversi moduli organizzativi.

 I nidi d’infanzia sono a tempo pieno quando osservano un orario di apertura pari o superiore alle otto ore al giorno, o a tempo parziale quando osservano un orario di apertura inferiore alle otto ore.

Nell’uno e nell’altro caso, i nidi d’infanzia garantiscono i servizi di somministrazione pasti e riposo pomeridiano.

B) Servizi domiciliari, organizzati come piccoli gruppi educativi. Sono servizi educativi per la prima infanzia che permettono di dare risposte a esigenze di particolare flessibilità e/o vicinanza ai territori. Possono accogliere fino ad un massimo di sette bambini e prevedono il servizio di somministrazione pasti e riposo pomeridiano.

C) Servizi educativi integrativi al nido. Assicurano alle famiglie un'offerta flessibile e differenziata tale da garantire la più ampia risposta possibile e si articolano nelle tipologie dello spazio bambini e del centro per bambini e genitori.

 Lo spazio bambini prevede l’affido, ospita bambini di età non inferiore all’anno e consente tempi di frequenza non superiori alle cinque ore giornaliere. Il centro per bambini e genitori prevede la contestuale presenza di adulti accompagnatori.

 Per questo deve avere una ricettività che consenta la piena partecipazione alle attività di gioco, motorie, relazionali specificamente organizzate per i bambini e per gli adulti, potendo prevedere momenti di attività anche separati per bambini e genitori.

 Nei servizi integrativi non è prevista la somministrazione di pasti mentre può essere prevista la merenda.

 D) I servizi sperimentali. Si tratta di sperimentazioni di servizi per l’infanzia, promosse da soggetti gestori pubblici e privati in risposta ad esigenze di innovazione, a particolari situazioni sociali e territoriali e per far fronte a bisogni peculiari delle famiglie, anche in seguito a situazioni di emergenza o calamità naturali.

 Tali servizi devono disporre di un progetto pedagogico che, oltre alla proposta innovativa, preveda il collegamento al sistema dei servizi del territorio comprendendo anche la possibilità di promuovere progetti di continuità zero-sei anni. Deve essere garantito comunque il rispetto dei requisiti relativi alla sicurezza, alla salubrità e all’igiene previsti dalla normativa vigente e dalla presente direttiva e il possesso del titolo di studio previsto dalla presente direttiva per il personale educativo.

L’apertura di questi servizi é soggetta al rilascio di un’autorizzazione al funzionamento da parte del Comune. La domanda può essere presentata presso il Servizio Infanzia Istruzione e Sport, piazza Rampi n. 1 – piano terra (tel. 0546 691673 – 0546 691671).

Servizi ricreativi (c.d. baby parking) 0-3

Sono servizi con funzione puramente ricreativa rivolti a bambini di età inferiore a tre anni. I servizi ricreativi, a differenza dei servizi educativi per la prima infanzia, si contraddistinguono per l’occasionalità e temporaneità dell’offerta e prevedono una frequenza massima giornaliera di due ore, una frequenza massima di due giorni alla settimana e il divieto di erogare il servizio mensa.

 Hanno, inoltre, carattere occasionale i servizi che vengono prestati, anche quotidianamente, per periodi brevi di tempo anche in considerazione di esigenze particolari di famiglie o territori a condizione che non abbiano durata superiore a tre settimane all’anno e non prevedano un tempo di frequenza giornaliera superiore a quattro ore.

Dal momento che questi servizi si collocano su un piano diverso da quello dei servizi educativi, la legge regionale fissa, quali unici requisiti, quelli imposti dall’esigenza di tutelare la sicurezza, l’igiene e la salute dei bambini e prevede la segnalazione certificata di inizio attività (SCIA) comprendente l'autocertificazione del possesso dei requisiti relativi alla sicurezza e alla salute previsti dalla normativa vigente.

 La SCIA può essere presentata presso il Servizio Infanzia Istruzione e Sport, piazza Rampi n. 1 – piano terra (tel. 0546 691673 – 0546 691671).

 La SCIA suddetta deve essere presentata presso il Servizio Infanzia Istruzione e Sport anche nel caso in cui nel servizio ricreativo vengano accolti bambini di età inferiore ai tre anni unitamente a bambini di età superiore ai tre anni.

 Altri servizi ricreativi  rivolti  esclusivamente a bambini di età superiore ai 3 anni

Nel caso in cui, invece, si intenda aprire un servizio ricreativo (es. ludoteche, baby parking, ecc.) rivolto esclusivamente a bambini di età superiore ai tre anni, si prega di rivolgersi allo Sportello Unico per le Attività Produttive (SUAP) piazza Rampi n. 7 (tel. 0546-691269; fax 0546-691264 - http://www.comune.faenza.ra.it/Guida-ai-servizi/Suap).

 Normativa

  • Legge regionale 10 gennaio 2000, n. 1 “Norme in materia di servizi educativi per la prima infanzia” ;
  • Deliberazione dell’assemblea regionale dell’Emilia – Romagna n. 85 del 25 luglio 2012 “Direttiva in materia di requisiti strutturali ed organizzativi dei servizi educativi per la prima infanzia e relative norme procedurali. Disciplina dei servizi ricreativi e delle iniziative di conciliazione”.

Normativa in allegato.