Sito Ufficiale del Comune di Faenza

Salta ai contenuti
 

Piazza del Popolo n. 31
Telefono 0546691111 - Fax 0546691499
PEC comune.faenza@cert.provincia.ra.it

COME FARE PER...
  • Cittadino
  • Impresa
 
 
 
Sei in: Home » Guida ai servizi » Servizi per l'i... » Agevolazioni pe... » Fornitura gratuita o semigratuita libri di testo  
 

Fornitura gratuita o semigratuita libri di testo

Servizio: Infanzia, Istruzione e Sport
Ufficio:
Diritto allo studio
Indirizzo:
Piazza Rampi 1
Telefono: 0546 691678
Fax: 0546 691679
 e-mail: istruzione@comune.faenza.ra.it
Orario:
dal lunedì al venerdì dalle ore 8,30 alle ore 13,30; martedì e giovedì dalle 14,30 alle 16,30
Responsabile del Servizio:
Dott. Paolo Venturoli

 

 La normativa in vigore prevede alcune condizioni per la fornitura gratuita o semigratuita dei libri di testo agli studenti della scuola secondaria di primo e secondo grado.

 

 ANNO SCOLASTICO 2016/2017

ATTENZIONE: la presentazione delle domande per ricevere il contributo per i libri di testo delle scuole secondarie di I e II grado per l'anno scolastico 2016/17 dovrà essere effettuata ON - LINE dal 1 settembre alle ore 18.00 del 10 ottobre 2016 utilizzando l'applicativo all'indirizzo internet:  http://scuola.er-go.it 

ATTENZIONE: presentazione domanda prorogata fino alle ore 18.00 del 10 ottobre 2016

In cosa consistono le nuove modalità di presentazione delle domande previste dalla Regione Emilia-Romagna?
la domanda dovrà essere effettuata esclusivamente ON - LINE dal 1 settembre alle ore 18.00 del 10 ottobre 2016 da uno dei genitori o da chi rapprensenta il mionore o dallo studente se maggiorenne utilizzando l'applicativo predisposto da ER.GO e reso disponibile all'indirizzo internet: http://scuola.er-go.it

Posso già attivarmi per svolgere alcune pratiche nel frattempo?

 Si. Si invitano le famiglie ad attivarsi comunque fin da ora per:

  • acquisire l'attestazione ISEE 2016 (riferita ai redditi 2014) in quanto viene richiesto il requisito economico del reddito entro la soglia ISEE di euro 10.632,94. Si precisa che l’ISEE delle famiglie e dei minori in affido (considerati nucleo a sé stante) viene calcolato secondo criteri unificati a livello nazionale e per calcolarlo gratuitamente ci si può: a) rivolgere ai C.A.F. autorizzati o alle sedi INPS presenti nel territorio; b) collegare al sito INPS – “Servizi on line” e compilare la Dichiarazione Sostitutiva Unica (DSU) on line;
  • conservare la documentazione di spesa relativa all’acquisto dei libri di testo per cui si chiede il contributo;
  • avere disponibilità di un indirizzo e-mail
  • avere un numero di cellulare con SIM attivata in Italia

Chi può accedere ai benefici?
Gli iscritti e frequentanti la scuola secondaria di 1° e di 2°  grado sia pubblica che privata che appartengono a nuclei familiari che presentano un valore ISEE 2016 in corso di validità inferiore o uguale a  € 10.632, 94. Non sono compresi gli alunni di scuola primaria in quanto usufruiscono della fornitura gratuita dei libri di testo con altre modalità. 

Mi serve un' ISEE particolare?
Dipende: il D.P.C.M. 5 dicembre 2013, n. 159 affianca all'ISEE ordinario o standard ulteriori ISEE da utilizzarsi per la richiesta di alcune tipologie di prestazioni ed in presenza di alcune catatteristiche del nucleo familiare, in particolare per le prestazioni agevolate rivolte ai minorenni in presenza di genitori non conviventi (art. 7).

Come si ottiene il valore ISEE 2016 della famiglia?
Per ottenere l'ISEE 2016 in corso di validità le famiglie interessate potranno rivolgersi ai Centri di Assistenza Fiscale (C.A.F.) i quali provvederanno gratuitamente all'istruttoria, oppure  potranno anche rivolgersi direttamente alle sedi I.N.P.S. o procedere in via telematica sul portale dell'I.N.P.S.

Chi deve presentare la domanda?
Il beneficio deve essere richiesto dal genitore o da chi ne esercita legalmente le funzioni o dallo studente se è maggiorenne.
 
Qualora l'alunno sia ripetente, si può presentare domanda?
Qualora l'alunno sia ripetente, si iscriva allo stesso istituto scolastico e/o allo stesso indirizzo di studi, può richiedere il beneficio solo se riferito all'acquisto di libri di testo diversi da quello precedente.

Entro che termini deve essere presentata la domanda?
Dal 1 settembre alle ore 18.00 del 10 ottobre 2016.

Come può essere presentata la domanda?
La domanda può essere presentata solo on -line tramite l'applicatico disponibile all'indirizzo internet: http://scuola.er-go.it

Dove si possono ottenere informazioni sull'utilizzo dell'appplicativo?

All' URP della Regione Emilia-Romagna. E' possibile contattare il Numero verde 800955157 (dal lunedì al venerdì dalle 9 alle 13 e lunedì e giovedì dalle 14,30 alle 16,30) e la mail: formaz@regione.emilia-romagna.it . L’Urp rimarrà chiuso per la pausa estiva dall'8 al 19 agosto.

 Per assistenza tecnica all'applicativo: Help desk Tecnico ER.GO te. 051-0510168 (martedì e mercoledì dalle 10 alle 13 e il giovedì dalle 14,30 alle 16,30). Mail dirittostudioscuole@er-go.it

Come apprendo se la domanda presentata è stata accolta?
Se non si è destinatari di una comunicazione di rigetto da parte del Comune, la domanda si intende accolta.
 
A quanto ammonta il rimborso?
L'importo non può essere definito, perché dipende da quante domande verranno presentate in Regione.  le Risorse statali (art. 27 L. 448/98 e relativi provv.ti attuativi) destinate alla Regione Emilia-Romagna ammontano ad € 3.678.870,00.

I contributi non potranno comunque superare i tetti stabiliti dal Ministero dell' Istruzione negli allegati 1, 2 e 3 del DM n. 43 del 11 maggio 2012  nelle more del Decreto relativo all'a.s.2016/2017, tenendo in considerazione anche quanto previsto dalla nota del MIUR prot. 3503 del 30/03/2016 (vedi box documenti).
 
Quando si riceve il contributo?
Al momento la data non può essere definita. Tutto dipende dai tempi entro cui il Ministero dell'Interno erogherà i fondi al Comune.

Che controlli sono previsti?
 Ai sensi dell’art. 71, comma 1, del D.P.R. n. 445/2000, il Comune di Faenza effettuerà controlli sulle dichiarazioni rese in autocertificazione sia a campione sia nei casi in cui sussistano fondati dubbi sulla veridicità del contenuto, anche dopo aver erogato il contributo, con ogni mezzo a disposizione (es. accesso all’anagrafe, ai sistemi informativi dell’I.N.P.S., del Ministero dell’Economia, coinvolgimento della Guardia di Finanza, ecc.). A tal fine il richiedente dovrà produrre tutta la documentazione che sarà eventualmente richiesta compresa la documentazione di spesa (es. scontrini o fatture di acquisto dei libri di testo, ecc.) che dovrà essere conservata per 5 anni (dalla data del ricevimento del pagamento del contributo).

Maggiori informazioni nel portale della Regione Emilia-Romagna  ER.scuola - Portale della Regione Emilia-Romagna