Sito Ufficiale del Comune di Faenza

Salta ai contenuti
 

Piazza del Popolo n. 31
Telefono 0546691111 - Fax 0546691499
PEC comune.faenza@cert.provincia.ra.it

COME FARE PER...
  • Cittadino
  • Impresa
 
 
 
Sei in: Home » In evidenza » Divieto di consumo alcolici su suolo pubblico  
 

Divieto di consumo alcolici su suolo pubblico

20 Agosto 2020

In data odierna (20 agosto 2020), il Sindaco di Faenza ha emanato una nuova Ordinanza che vieta di introdurre, consumare o detenere per il consumo su area aperta al pubblico, bevande alcoliche di qualsiasi gradazione (birra compresa) ed in qualsiasi contenitore tutti i giorni, a qualsiasi ora, a decorrere da domani, venerdì 21 agosto 2020 e fino al 31 ottobre 2020, salvo successivi ulteriori provvedimenti.

Ordinanza Sindacale n. 16/2020  (109,14 kB - PDF)

 

Aree soggette a divieto

Il divieto si applica nelle aree pubbliche, aperte al pubblico e soggette ad uso pubblico, ricomprese all'interno delle seguenti strade e piazze: corso Garibaldi, largo dei Bersaglieri, piazza San Francesco, viale IV Novembre, viale delle Ceramiche, piazza Dante, piazza Cesare Battisti, viale Baccarini, corso Baccarini e via Cavour.
Sono altresì comprese nel divieto le aree verdi e tutte le zone aperte all’uso pubblico e comunque accessibili al pubblico.

Sono invece escluse dal divieto le superfici appositamente autorizzate e destinate alla somministrazione, comprese le aree esterne concessionate a pubblici esercizi per occupazione di suolo pubblico ai fini della somministrazione.

 

Motivazioni dell'Ordinanza

Questa nuova Ordinanza si è resa necessaria al fine di evitare che assembramenti di persone possano mettere a repentaglio la salute pubblica, in considerazione dell'emergenza sanitaria provocata dalla diffusione del virus "Covid-19", tenuto conto delle prescrizioni imposte con Ordinanza del Ministro della Salute, emanata il 16 agosto 2020. È infatti elevata la preoccupazione delle Istituzioni per i rischi che tali assembramenti possano favorire la diffusione del virus, in un momento particolarmente delicato, in cui – anche al fine di non mettere a repentaglio la riapertura delle scuole e scongiurare ulteriori provvedimenti di “lockdown” - gli Organi dello Stato hanno disposto la chiusura delle discoteche, determinando lo spostamento di persone in luoghi tipici di ritrovo della città, già oggetto di attenzione da parte delle Forze dell’Ordine e della Polizia Locale, anche a seguito del riscontro di pericolosi assembramenti serali.

Inoltre, ma non ultimo, è stata più volte segnalata la presenza di gruppi di persone, sovente sfaccendate, che si concentrano e monopolizzano gli spazi comuni in tali aree, consumando bevande alcoliche, creando degrado e disagio per gli abitanti e gli altri frequentatori della zona e delle aree limitrofe. Tali deplorevoli condotte assumono maggiore risalto nella stagione estiva, quando aumenta la presenza all'aperto di persone, per cui il consumo incontrollato di alcol incide maggiormente sulla percezione di insicurezza e di degrado.

Fra l’altro, chi assume bevande alcoliche nei modi descritti, è avvezzo ad abbandonare i contenitori senza curarsi di conferire correttamente il rifiuto, a discapito del decoro e della pulizia della città.

 

Vigilanza e sanzioni

Le Forze dell’Ordine e la Polizia Locale vigileranno sul puntuale rispetto della nuova Ordinanza.

Salvo che il fatto non costituisca più grave reato, l'inosservanza di quanto imposto comporterà l'applicazione di una sanzione amministrativa pecuniaria da € 25,00 a € 500,00, oltre ad eventuali sanzioni accessorie in caso di non corretto smaltimento del rifiuto.