Sito Ufficiale del Comune di Faenza

Salta ai contenuti
 

Piazza del Popolo n. 31
Telefono 0546691111 - Fax 0546691499
PEC comune.faenza@cert.provincia.ra.it

COME FARE PER...
  • Cittadino
  • Impresa
 
 
 
Sei in: Home » In evidenza » Giornata del Faentino lontano  
 

Giornata del Faentino lontano

La città di Faenza, domenica 24 giugno, festeggia la 59^ Giornata del Faentino Lontano per rinnovare, con i concittadini che si sono allontanati dalla città, i legami profondi, quello della famiglia e delle amicizie e per rinsldare l'appartenenza alla comunità di origine.

 

Per l'anno 2018 l'Amministrazione Comunale e l'apposito Comitato hanno deciso di assegnare le distinzioni onorifiche di "Faentino lontano" , al Sig. Piero Monti, e di "Faentino sotto la torre", al Sig. Gian Domenico Sacchini.

 

La manifestazione avrà inizio, alle ore 9, nella Basilica Cattedrale di San Pietro con la Santa Messa Celebrata dal Vescovo emerito della Diocesi di Faenza-Modigliana, Mons. Claudio Stagni. Alle ore 10, ci si sposterà nel Teatro Masini, dove si terrà la Cerimonia di consegna delle Distinzioni Onorifiche di "Faintên Luntân" e "Faintên sota la Tor", per l'anno 2018; seguirà alle ore 11.30, nel Salone delle Bandiere del Palazzo Comunale (piazza del Popolo 31) l'aperitivo d'onore per i Premiati e i Faentini Lontani.

 

Il Faintên Luntân e la Faintên Sota la Tor: conosciamoli meglio

Piero Monti

Piero Monti è nato a Faenza nel 1957 e attualmente vive a Palermo. Parallelamente agli studi scientifici, svolti presso il liceo scientifico "F.Severi" di Faenza, compie quelli musicali al conservatorio "Luigi Cherubini" di Firenze, dove si diploma con il massimo dei voti in Musica Corale e Direzione di Coro nel settembre 1979. Nel novembre 1979 vince un concorso al Teatro comunale di Bologna per maestro collaboratore di sala e di palcoscenico e, nel 1983, diventa direttore musicale di palcoscenico, fino all'aprile del 1988 quando assume la direzione del Coro, che manterrà per 15 anni.

In questo periodo collabora con i direttori stabili del Teatro - Riccardo Chailly, fino al 1993, e Daniele Gatti dal 1997 al 2002 - nella realizzazione degli spettacoli e dei concerti delle stagioni, delle produzioni discografiche e delle tournée.

Nel gennaio 2003 è stato chiamato alla direzione del Coro del Teatro La Fenice di Venezia, dove ha partecipato anche alle produzioni per l'inaugurazione del ricostruito teatro. Dal dicembre 2004 al dicembre 2013 è stato direttore del coro del Teatro del Maggio Musicale Fiorentino, che ha guidato nel concerto conclusivo dell'Anno dell'Italia in Cina, a Pechino. Nel 2008 è stato invitato da Vladimir Jurowski a fondere i due famosi cori londinesi, Philharmonia Chorus e London Philharmonic Choir, per un totale di 240 cantori, per eseguire il Requiem di Verdi con la London Philharmonic Orchestra sotto la sua direzione.

Nel 2011 partecipa alla quarta tournée del Maggio in Giappone, dove prepara il Coro del Maggio per Tosca e La forza del destino. In una stagione ricca di appuntamenti, nel maggio 2011 prepara il Coro per Ein deutsches Requiem opera 45 di Johannes Brahms, diretto da Zubin Mehta con l'Orchestra del Maggio Musicale Fiorentino. Nell'autunno 2011 inaugura a Torino la rassegna "Mito SettembreMusica", con la Sinfonia dei Mille di Gustav Mahler, diretta da Gianandrea Noseda, che ripete a Rimini.

Dal gennaio 2013 collabora con il National Centre for the performing arts di Pechino, per prepararne il Coro alle esecuzioni delle opere della tradizione musicale occidentale. Dal marzo 2013 è anche direttore del Coro del Teatro Massimo di Palermo.

Ha collaborato con illustri direttori d'orchestra quali Abbado, Chailly, Chung, Gardiner, Gatti, Gavazzeni, Gergjev, Jurowski, Maazel, Marriner, Mehta, Muti, Ozawa, Pappano, Pretre, Sinopoli, Solti, Thielemann.

In trent'anni di professione ha eseguito tutto il più importante repertorio corale, sia operistico che sinfonico. Nel giugno 2017, con Piero Monti direttore, il Coro del Teatro Massimo di Palermo è stato protagonista di una brillante tournée in Giappone, con esibizioni in sei teatri e cinque città, fra cui Tokio e Osaka.

Il riconoscimento di Faentino lontano gli è stato assegnato, come si legge nella motivazione del premio, "per la brillante e riconosciuta carriera come direttore di importanti cori italiani e internazionali, la collaborazione con alcune tra le più prestigiose formazioni sinfoniche internazionali, lavorando a fianco dei più acclamati direttori d'orchestra nell'esecuzione del più importante repertorio corale sinfonico e operistico".

 

Gian Domenico Sacchini

Gian Domenico Sacchini 

Il Faentino sotto la torre, è nato a Faenza il 16 luglio 1931. Il padre dirigeva "l'ufficio del gas" di Faenza. La sua infanzia è trascorsa serena, allietata dalla nascita di una sorella e di un fratello, tranne il periodo della guerra, che sicuramente segna il cuore di Gian Domenico orientandolo sui sentieri della pace.

Frequenta I'Iti di Forlì e nel 1950 consegue il diploma di perito tecnico, per poi essere assunto dalla stessa azienda nella quale aveva lavorato il padre. Al lavoro Gian Domenico affianca il desiderio di viaggiare per conoscere e scoprire.

Nel 1960 sposa Rosanna, dalla quale ha tre figlie, Rita, Alessandra e Silvia, che lo renderanno nonno di 10 nipoti e bisnonno.

Diventato dirigente di Italgas, dopo non poco peregrinare con la famiglia, verso la fine degli anni '60 diventa direttore Italgas di Faenza, lo stesso ruolo ricoperto dal padre.

Grazie alla 100 Km del Passatore Firenze - Faenza prende vigore il desiderio di camminare per incontrare persone con le quali condividere impegno e fatica, ma anche la gioia di raggiungere insieme un traguardo. Sono 25 le partecipazioni ufficiali alla Cento, senza contare quelle alle quali ha partecipato senza iscriversi, solo per la gioia di condividere il percorso con gli altri.

Anche grazie allo stimolo delle figlie, quella disponibilità al servizio appresa dai genitori emerge sotto forma di una solidarietà rivolta prima ai connazionali colpiti dal terremoto del Friuli (6 maggio 1976) e poi con l'attenzione verso i poveri delle Ande peruviane, attraverso l'Operazione Mato Grosso.

In aiuto alle popolazioni colpite dal terremoto, assieme al gruppo di volontariato della parrocchia di San Giuseppe, realizza una casetta prefabbricata in legno e, successivamente, una costruzione in muratura con due miniappartamenti per anziani in difficoltà.

Il 23 novembre 1980 la terra trema in Irpinia e nuovamente l'impegno della parrocchia di San Giuseppe dà i suoi frutti attraverso un'immediata presenza in loco e la successiva consegna di una nuova casetta prefabbricata in legno.

All'inizio degli anni '80 conosce Federico, giovane affetto da una grave disabilità. Questo incontro, spiega lo stesso Giandomenico, "segna prima un momento e poi la mia futura esistenza, portando al cuore la certezza del sentirsi amati come dono ad una semplice e per me piacevole attenzione alla disabilità". E così da trent'anni Gian Domenico va ogni giorno da Federico non facendo mai mancare il suo premuroso aiuto e assistendolo nei più diversi bisogni sia umani che materiali.

Alla fine degli anni '80 raggiunge la pensione e nel giugno del 1989 parte "viandante" per il santuario di Lourdes, sempre con lo stesso spirito di servizio e di condivisione con il prossimo. Un impegno di servizio al prossimo che porta Gian Domenico per due mesi in Perù in una missione dell'Operazione Mato Grosso.

A seguito di quella missione a San Giuseppe, alla fine degli anni '80, nasce il "Trenino delle Ande", proprio con lo scopo di aiutare i bambini poveri del Perù. Ancora oggi, tutte le domeniche, per la gioia dei bambini, il trenino percorre i viali attorno al parco Bucci raccogliendo offerte per il Perù.

Nel settembre 1995 parte pellegrino per Santiago di Compostela e Fatima. In occasione dell'Anno Santo del 2000 parte per una missione ancora più ambiziosa: raggiungere Betlemme a piedi in occasione del Santo Natale. Dopo sei mesi di cammino Gian Domenico arriva alla meta tanto desiderata. Sul pellegrinaggio in Terra Santa Sacchini ha pubblicato un vero e proprio diario di viaggio intitolato "Sulle orme di un sogno d'amore. Betlemme, meta di un cammino", corredato da foto e firme di quanti lo hanno ospitato.

Prosegue inoltre il suo impegno di solidarietà a favore della Caritas diocesana dove, ancora oggi, ogni giovedì, è impegnato nella distribuzione del pasto alle persone in difficoltà.

Grazie a un piccolo mezzo a tre ruote dotato di pannelli fotovoltaici compie un viaggio in Italia di 2.500 chilometri. Negli anni 2000 è la volta del pellegrinaggio al santuario di Czestochowa, con quattro tappe in altrettanti campi di sterminio nazisti per ricordare il buio di quella terribile storia. L'ultimo viaggio, questa volta con una bici elettrica a tre ruote alimentata a pannelli fotovoltaici, vede Gian Domenico percorrere 2.350 km in Italia, per portare il suo messaggio di pace e di fratellanza.

In tutti questi anni, inoltre, non ha mai fatto mancare il suo sostegno anche alle associazioni di volontariato "Pedalare per chi non può" e "Don Tonino Bello". E' socio fondatore dell'associazione "Maria Teresa", che si occupa di sostenere famiglie con ragazzi disabili.

L'onorificenza di Faentino sotto la Torre gli è stata assegnata "per le molteplici e originali iniziative intraprese nel corso della vita, capaci di testimoniare ovunque - come un "moderno viandante" forte di spirito e con una perseveranza più unica che rara - i valori universali della pace, della fratellanza e della solidarietà concreta verso le persone sofferenti e meno fortunate a lui vicine o in Paesi lontani".